Passata di Moda

non mi rassegno alla fine dei blog

Archivi per il mese di “giugno, 2013”

faccio io

Il giovane polpetta ha “cominciato le pappe” -come si dice in gergo mammico- da tre giorni. Mescoliamo brodo di verdura e farina di riso, sorridiamo mentre gli porgiamo cucchiai di quella roba dal dubbio gusto -e ancheDI dubbio gusto- e lui un po’ mangia e un po’sputa, come ci si aspetta da un giovane sdentato. Va tutto bene. Va tutto benissimo.

Ma è successa una cosa pazzesca.  Oggi, dopo due cucchiaiate, polpetta mi ha guardata, mi ha rubato il cucchiaio, l’ha pucciato nella pappa e l’ha infilato in bocca. E poi l’ha fatto ancora.

Secondo i miei calcoli entro un mese sarà in grado di prepararsi da solo il prnzo e autocambiarsi il patello.

Fuck yeah.

Annunci

una cosa da ricordare

oggi ho visto mio figlio accarezzare il viso di mia nonna.
(ha anche cercato di rubarle il naso)
novantun’anni di differenza e si sorridono, e si toccano.
ci sono cose davvero meravigliose nella vita.
sono felice di averlo visto.

Da grande voglio fare la scrittrice

come ben sapete, o come non sapete (come faccio io a sapere cosa sapete e che cosa no? non sono mica un mago!!!) l’anno scorso, anzi, no, due anni fa ho scritto un romanzo.
una roba piccina. cominciata d’improvviso un pomeriggio d’ottobre del 2010 e terminata a luglio 2011. Nove mesi. Come per il bambino, uguale uguale, solo che una volta fatto il libro mi ha lasciato un sacco di libertà.
Ho partecipato a un concorso e sono arrivata in semifinale, beh, niente male, no?
poi l’ho spedito a un po’ di case editrici. ovvio che non mi ha filata nessuno.
il mio sogno più grande sarebbe quello di vederlo pubblicato, o di scriverne un altro che venga pubblicato, ma non solo.
il mio sogno un po’ meno grande è quello di trovare qualcuno che lo legga e mi dia un’analisi critica di ciò che ho scritto, che mi dica “non è il tuo mestiere” o che mi dica “se sistemi ste cose ce la puoi fare” oppure “è una figata! ti compro i diritti e ci faccio un film con Santamaria e Argentero e tu fai la protagonista femminile che si butta nel mezzo!”.
Si, perchè, comunque, la storia è quella di una che se la gode, ha due ragazzi molto carini e non si fa mancare nulla.
ma è anche la storia di un reality show.
e di un nonno e una nonna.
e c’è pure un gatto grasso, perchè fa più tenerezza.
a volte fa ridere e mi hanno detto che qualcuno si è commosso a un certo punto.
ora lo so che non state più nella pelle e volete leggerlo, vi dico io come fare:

 

avete kindle?
se la risposta è si andate qua

lo comprate e poi continuate a leggere sto post perchè vi devo dire un paio di cose.

 

se non avete kindle e non avete intenzione di comprarlo andate pure su Amazon c’è un bel link che vi permette di avere le applicazioni di lettura gratuite

 

è facilissimo!

insomma mi sono autopubblicata il romanzo su amazon, in e-book per kindle. so che l’impaginazione si è fottuta in più punti e che alcune frasi si sono incasinate. purtroppo è un sistema del tutto casuale e io non so come fare a sistemarlo.

però al prezzo di 1,54 euri si può fare. ripeto UN EURO E CINQUANTAQUATTRO!!! due caffè.

quindi amici cari:

NON CHIUDO MAI LA PORTA A CHIAVE

aspetto i vostri pareri.

 

Post Pubblico per fatti Privati

1. ieri Polpetta ha fatto la vaccinazione, quindi ho portato a mia madre – che lo tiene quando lavoro – termometro e tachipirina per controllare nel caso gli venisse la febbre. Non gli è venuta e mia mamma ha rimesso nella borsa termometro e tachipirina. Poi è venuta – con Polpetta – a prendermi al lavoro. Sulla via del ritorno abbiamo incontrato Laura con la sua bimba che forse aveva la febbre. Io ho detto “se vuoi ho il termometro!” e lei “io non vado in giro con il termometro”. Le ho spiegato quanto sopra ma sono certa che non mi abbia sentita. Questo post è quindi per avvisare quelli del Viale: non sono una pazza che gira con il termometro per controllare la temperatura del pupo ogni venti secondi. il termometro l’avevo  per caso e sto facendo del mio meglio per non andare in ansia a ogni scorreggia di Polpetta. Quindi: ritirate subito il pettegolezzo.

 

2. Questo è ancora più personale, ma visto che il protagonista l’ha raccontato a tutti lo racconto pure io.

Il mio adorato fratellino trentenne è tornato single.

Le motivazioni se le smazzano lui e la sua ex tipa. Torti e ragioni sono faccenda loro. Io ho un messaggio per lei:

Cara C. scusa se mi intrometto, ma non è che te lo vuoi riprendere? no, perchè io sono contenta che mio fratello adesso si confidi e mi parli, e sono contenta stia recuperando un rapporto più sincero anche con tutta la famiglia, ma HA ROTTO IL CAZZO.

Parla di te, solo di te di continuo, di come riconquistarti e di quanto ti ama. Io lo so che hai scelto, lo so che vuoi farti la tua vita, lo so che probabimente ha rotto il cazzo pure a te, ma davvero…io quasi ho nostalgia del fratello che non diceva nulla.

(Anche solo un mesetto, il tempo di capire se fa sul serio o no, anche solo per permettermi di abituare Polpetta a dormire nella sua stanza e non dovermi svegliare settecento volte a notte e al mattino dover affrontare pure lomu.  Lo so che ci penserai, grazie sei un tesoro :*)

 

Grazie, lo so che ci penserai ^_^

PS: Lo so, caro Lomu, che dovrei essere più morbida con te, ma non ce la faccio. Quindi beccati pure il cazziatone via web.

è quell’ora della notte

in cui dovrei spegnere la luce

mettermi sotto le coperte e dormire finchè il nano dorme.

sognare nel silenzio speciale che c’è in una casa quando i bambini sono in silenzio.

(una roba che è molto vicina all’idea della pace cosmica)

invece sono sveglia a rubare attimi di libertà

a riconquistare la mia vita da adulta

due messaggini, un giro sul web, magari aprire un libro…

passeggiare tra pagine virtuali e non.

è l’ora in cui dovrei scrivere e proseguire il racconto che è lì, fermo, sul desktop già da un po’.

è quell’ora della notte che una volta sarebbe stata ancora sera

è quell’ora della notte in cui mi perdo via, a guardarlo dormire

a studiare i prodigi della genetica nei suoi tratti, nella sua posizione nel sonno.

è quell’ora della notte (sera) in cui nel silenzio sono felice.

Navigazione articolo